LA NUOVA ERA DEL RECRUITING

il buon recruiter sa vedere oltre il dato, dietro ad una voce sul curriculum sa intravedere un futuro aziendale, l’inizio di una percorso.

Carmela Casella

CEO&Founder Colloquio24

Il Recruitment è uno dei settori per cui la rivoluzione digitale si unisce ad un vero e proprio cambio di paradigma. Il report sui Global Recruiting Trends 2018 pubblicato da LinkedIn parla di “new era of recruiting”.

Nuove tecnologie e una nuova visione del processo di selezione della risorsa definiscono oggi una struttura organizzativa sempre più evoluta e raffinata. Il ruolo del recruiter è tra i più delicati e determinanti per il futuro di un’azienda; capacità decisionali, predittive, intuitive, strategiche: queste le doti professionali che gli si richiedono. Il buon recruiter sa vedere oltre il dato, dietro ad una voce sul curriculum sa intravedere un futuro aziendale, l’inizio di una percorso. I dati sono la sua materia prima. Se questi si presentano come un’enorme massa indefinita, eterogenea per forma, canale e contenuto, il recruiter vedrà gran parte del proprio tempo inghiottito da un’attività archivistica estranea alla sua professionalità. Con dati già ordinati e pre-categorizzati, presentati in una veste facilmente fruibile, le sue ore e le sue energie saranno invece ottimizzate al massimo. Affidare questa fase preparatoria all’automazione è l’obiettivo primario della rivoluzione digitale. Lasciando all’umano ciò gli è veramente proprio.

Il recruiter che può contare su di uno strumento che pre-selezioni i candidati migliori sulla base dei criteri che lui stesso ha individuato potrà investire più tempo e risorse nella conoscenza diretta di questi ultimi, potrà dedicare loro quella cura e quell’attenzione tutta umana che costituisce il primo, indispensabile tassello della costruzione del rapporto risorsaazienda.

Sempre secondo il report sui Global Recruiting Trends 2018 i mezzi che rendono possibile questa rivoluzione sono: Nuove tecniche di intervista, pensate per ricreare contesti più informali e per fare emergere le soft skills del candidato Analisi dei dati Intelligenza Artificiale, nell’ottica di ottimizzare i tempi delle fasi di recruiting più onerose e di garantire l’oggettività

Ma che ruolo può giocare l’AI in questa rivoluzione?

L’Intelligenza Artificiale ha tutte le carte in regola per essere uno strumento cardine di questa rivoluzione. L’AI al servizio del recruitment opera infatti su più livelli del processo, in perfetta sinergia con i recruiter umani. Infatti può: Gestire l’intera interview col candidato, gestendo un percorso dinamico, che si rimodula ad ogni risposta del candidato; far convergere i dati acquisiti su una piattaforma gestionale strutturata secondo le esigenze del recruiter; eseguire un primo screening in base ai requisiti richiesti da ciascuna posizione Rispondere alle domande del candidato sull’azienda e sulla posizione per cui si sta candidando; eseguire un test sulle soft skills.

Ma il recruiter umano deve avere il completo controllo di tutte le fasi del processo di selezione ed è per questo che parliamo di sinergia tra AI-recruiter.

Il recruiter infatti: ha il pieno controllo sulla fase di interview del candidato. Progetta percorsi dinamici, calibrati sulle risposte del candidato. Predispone per ciascuna Job i filtri specifici che gli consentiranno di automatizzare le prime fasi di screening. Può consultare e valutare in tempo reale le candidature direttamente dalla piattaforma gestionale.

La nuova era del Recruitment è già cominciata. L’Intelligenza Artificiale è tra i primi vettori di questo cambiamento. Per il report sui Global Recruiting Trends 2018 il 76% degli esperti di HR pensa che l’apporto dell’AI sul settore sarà significativo. I chatbot stanno rivoluzionando la Candidate Experience proponendo una sintesi unica tra umano e digitale. Secondo Juniper Research entro il 2022 l’AI sarà in grado di ridurre i costi del Recruitment di 8 miliardi. Oggi l’apporto dell’AI trova il suo più naturale campo di applicazione nelle prime fasi del processo di selezione, per poi passare il testimone al recruiter umano, portatore di un valore aggiunto di intuito, empatia e capacità valutative per ora insostituibile

Colloquio24 ha creato un software di tecnologie AI che analizzano il comportamento del candidato attraverso video test. L’unione di metriche psicologiche e algoritmi AI, analizzano l’intelligenza e il comportamento emotivo del candidato con test predittivi personalizzati e centrati sul ruolo da svolgere.

Suggerisci l'articolo su

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print